Riflessione delle due di notte passate aiutata dalle citazioni della vera verità – thanks to Pasquino, la voce del malcontento popolare di Roma dal XVI secolo fino alla breccia di Porta Pia

Caro Beppe – questa volta mi rivolgo direttamente a te – ti sembrerà strano leggerlo, ma hai ragione (dico “strano” perché solitamente non lo leggi, lo senti direttamente dalle tue orecchie). E per supportare la ragione che ti do, copioincollo qui un dialogo tratto da uno dei film che maggiormente mi hanno formato negli anni, e che porto sempre con me nella mia testa. Non serve dire altro…La parola ai personaggi.
PS non vi spoilero niente perché, a quanto pare, alla gente dà fastidio sapere come va a finire un libro o un film, dicono che poi non ha più senso leggere o vedere quello che succede prima della fine. Io penso che si confondano con la vita, nel senso che se io sapessi che il gnegne di febbruglio duemilaecazzi morirò e magari pure male, credo non vivrei poi serenamente il tempo che mi rimane, mentre un film è solo un film e chissà quali cose succedono nelle pagine di un libro prima della fine. Va beh, punti di vista e torniamo alle cose serie.

Bellachioma: “Vedi, secondo me non basta impara’ a scrive, ce vonno pure li pensieri… E io non ce l’ho.”
Cornacchia: “Tu scrivi… li pensieri vengono scrivenno. Ti fo un esempio: se tu dici a uno “li mortacci tua”, che fai? Dici una parolaccia; se invece la scrivi, diventa un pensiero.”
Bellachioma: “Allora è facile diventa’ Pasquino!”
Cornacchia: “Difficile rimanecce… Scrivi.”
Bellachioma: “Certo che ‘sti preti ne sanno sempre una più der diavolo!”
Cornacchia: “E grazie, sennò ar monno avrebbe già vinto er diavolo! Per cui noi dovemo esse più furbi der diavolo e de li preti messi assieme.”
Bellachioma: “Aaah allora lassamo perde, amo già perso! A Corna’, noi siamo gente semplice, de core…”
Cornacchia: “… C’hai detto??”
Bellachioma: “…Che ho detto?”
Cornacchia: “Noi che semo…?”
Bellachioma: “E che ne so?”
Cornacchia: “No, tu hai detto “semo gente semplice”, e poi?”
Bellachioma: “… De core…”
Cornacchia: “De core! Er core! Maledetto er core, e chi ce l’ha! A Bellachio’, io ho capito tutto! Ecco ‘a rovina nostra, er cataclisma de li popoli… Er core. E qui bisogna cambià tutto! Tu sei un pensatore, c’hai li pensieri pure quanno non scrivi!”
Bellachioma: “… Io?”
Cornacchia: “Ma si può esse più fregnoni di così? E’ per questo che ce tengono sotto, perché noi c’avemo er core e loro no!
Bellachioma: “Ammazza come te core la penna sul fojio, pare ‘na lepre!”
Cornacchia: “E io che me ce stavo pure a gioca’ er collo pe’ fa contenta ‘na donna… E quanno ‘o buttamo giù er padrone se continuamo a andà in giro cor core in mano? A Bellachio’, vo’ diventa’ un omo?”
Bellachioma: “Perché, mo’ che so’ ?”
Cornacchia: “Mo’ sei ‘no stronzo, ‘n sei niente, sei uno schiavo; ma se voi esse omo, strappate er core e buttalo lì, ‘n dove ce sguazzano le vacche.
Maledetto er core, e chi ce l’ha.
Maledetto me. (Più poveretto che maledetto, ma pazienza, problemi miei.)

Sfo

Annunci