La teoria della patata – Capitolo 3 [PIU’ GUSTO]

Io ho un legame particolare con la Più Gusto.
Mi ricordo che quando ero un bambino e avevo una bustina di Più Gusto tra le mani, ero felice.
C’era sto pacchetto in tipico stile eighties, con la scritta e il marchio impressi a caratteri cubitali in un rosso strappaocchi sulla busta, e sopra c’era sta patatina transgenica che dominava la scena.
Sinceramente non sapevo che significato avrebbe acquisito, nel tempo, la Più Gusto.
E’ una patata ricercata e buona da mangiare, questo grazie al sapore che, daje e ridaje, no nti stanca manco a piangere, e se ce n’è 30 grammi te ne mangi 30 grammi, se ce n’è 200 te ne mangi 200.
Con le ragazze è più o meno la stessa cosa.
Le Più Gusto sono le ragazze che, porca miseria, lo capisci subito che sono diverse.
Io stesso potrei innamorarmi di una Più Gusto, ma sarebbe un’impresa durissima anche per lei.
La più gusto è peperina, sempre pronta a farti incazzare per farti capire che lei viene prima di te. Con lei è uno scontro continuo, le piace pensare a sé stessa e avere il suo entourage, questo perché sa che tanti ragazzi le sbavano dietro.
La Più Gusto, in effetti, è difficile che si trovi impegnata in una storia particolarmente seria, proprio in virtù di questa sua tendenza a farsi gli affari suoi (che, per intenderci, io approvo alla grandissima).
Essendo carina e sapendo di esserlo, ed essendo intelligente sapendo di esserlo, la Più Gusto rappresenta “l’equilibrio giusto tra nutrimento e gusto”, per citare un noto spot di merendine: provarci con una di loro è come iniziare una carriera a Football Manager senza squadra: sai già che sarà un calvario.
Perché lei, l’oggetto della mia disamina di oggi, non si accontenta, di solito, di pettinare immediatamente il povero maschio, ma si diverte quasi a vedere sin dove egli possa spingersi: questo non per umiliarlo, ma per vedere quanto effettivamente il soggetto sia interessato alla bella.

Non prendetela per una sporcacciona, ma la Più Gusto ha tante anime gemelle, ed anzi quasi ogni tipo di uommo potrebbe esserlo.
Escludendo il Pangoccioli, caso patologico che è compatibile a malapena con la Granbar, ogni maschio, dal Seghinho al Barilla, può dire la sua.
Colui che solitamente gode di una corsia preferenziale per intrattenere un dialogo con lei è, comunque, il Maranza (o Vichingo).

Non mi va di fornire or ora un esempio di Più Gusto.

-Beppe-

Annunci