[Una mela al giorno] Giornata 5: Allora.

*PREMESSA: Questo pezzo è stato scritto sul flusso di coscienza. Con riletture ma senza correzioni. Perché a volte è bello guardare alle proprie spalle sapendo di non poter cambiare nulla. E’ scritto male? Sì. La prossima volta farò meglio? Forse. A voi.

Per cominciare questo lungo pezzo cito le conclusioni della trilogia “Malinconico” firmata Diego De Silva.Ritengo per prima cosa obbligatorie delle spiegazioni: dopo la seconda giornata non ho più postato semplicemente perché abbiamo avuto dei ritmi che non me lo hanno consentito. Non so prendermi un impegno, e chiedo scusa.Blog Allora

Ma occhio alla sorpresa, che è dietro l’angolo. E siamo a quota 1.

Partecipare giovedì mattina al panel sul Freedom Of Information Act è stata un’esperienza bellissima, formativa, che mi ha fatto imparare tanto. Tutti noi abbiamo diritto ad avere libero accesso alle informazioni. E nessuno ce lo deve negare. Per saperne di più, vi consiglio i profili Twitter di @dirittodisapere e @guidoromeo.

Poco dopo, sempre giovedì, ho avuto modo di partecipare ad un’altro panel sempre molto interessante, questa volta riguardo al live blogging e twitting. E’ stata l’occasione per capire di più sull’argomento, e conoscere la preparatissima @altrovista, ragazza estremamente cordiale e simpatica, che rimpiango di non aver salutato ieri. La conferenza è stata condotta dall’ottimo @albertopi.

Il pranzo, poi, non ce lo potevamo aspettare. Grazie al pressing del nostro @lucalovelli, siamo riusciti a pranzare con @lddio in persona. No, non è uno scherzo, quello che ha l’occhio contornato da un triangolo.

Il simpaticissimo Gianni Mura ha chiuso la giornata della Liberazione con una bella intervista a tutto tondo, gli abbiamo strappato anche un paio di domande.

Venerdì abbiamo iniziato la giornata con Emmott e Severgnini, non prop…

Ah! Sapete che c’è? Il programma lo potete trovare su internet.
La verità è che è stato tutto bellissimo.

La disponibilità e l’umiltà di Pardo, la simpatia a tratti boria di Facci, i soliloqui di Buttafuoco.
Ma soprattutto la redazione, la spedizione. Questa spedizione l’ho sentita MIA. I miei compagni di viaggio, e amici, mi hanno dato la loro fiducia, e io sono riuscito pienamente a ripagarla. Mi sento un vincente, c’erano in ballo tanti soldi e oltre 500km di strada, e ne sono felice.

Sono felice che questo gruppo si sia dimostrato così compatto, pur con le varie differenze tra personalità.

Scrivo questo post dopo una notte in bianco, passata con Giorgio (grande e graditissima sorpresa) sdraiato per terra a ridere di una presenza ingombrante davanti al monitor del pc, mentre si guardava “suxbad”.

Scrivo questo post dopo una settimana passata in caciara con una “prinscipessa” romana in camera che ci diceva, a ragione, di movere’r culo quando ci perdevamo nella doccia.

Con i miei compagni di stanza ho fatto, forse, la cena più bella della mia vita. Si è parlato di tutto, senza problemi e con tanta fiducia.
Con il resto della redazza, ieri, ne ho fatta un’altra di egual spessore.

Abbiamo sempre e comunque mangiato insieme, salvo forse un caso.
Pensiero: l’anno scorso questa cosa non è capitata neanche una volta.

Siamo riusciti a conoscere gli autoctoni, grazie al caro Stefano (no, non il nostro), siamo riusciti a vivere la Perugia vero, e a scoprire il lato bomber di persone cui fuori da una discoteca revival gratuita non dai un centesimo.
E non è che dentro li copri di soldi, ma almeno qualche ululato lo tirano, e il divertimento è garantito.

Questa volta il cuore a Perugia lo lascio. Per davvero.

Ma è proprio questa la sua funzione. Tornerò lì sapendo di ritrovarlo.

Perché un cuore custodito al riparo dei ricordi potrà anche essere poco vulnerabile, ma difficilmente sarà ricco come uno spensierato vagabondo che sparge pezzi ovunque vada, sentendosi a casa in ogni dove.

Ecco, questa è la sensazione che mi ha lasciato questo IJF, e la città di Perugia.

A presto, dunque.

-Beppe-

PS: c’è anche una seconda sorpresa. Tenete d’occhio questo blog nei giorni a venire, ho due contributi flash abbastanza validi, riguardo all’IJF. Ovviamente, non posso anticiparvi di che si tratti. 😉

Annunci